domenica 7 novembre 2010

Il mio ultimo libro è scritto nei sassi.

"Scritto nei sassi" è una mia raccolta di racconti brevi, brevissimi, levigati dal tempo come frammenti di pietra. Ai sassi, come si dovrebbe intuire dal titolo, è dedicato l'intero libro. Al progetto ha dato un fondamentale contributo Stefano Landini, illustrando enigmatiche radiografie di pietra.
Edito da Incontri Editrice e presto disponibile in catalogo, il testo è arricchito dalla nota introduttiva di Francesco Genitoni, da una prefazione di Gianluca Morozzi e una postfazione di Dario Alesani.


Dal risvolto: "Ignorati e misconosciuti. Considerati sterili, aridi, incapaci di provare e suscitare emozioni. Scalciati dagli argomenti della vita quotidiana e snobbati dalla letteratura, i sassi trovano in queste pagine un po’ di meritata giustizia. Protagonisti assoluti di sessanta fulminanti frammenti narrativi e tredici impenetrabili ritratti, i sassi raccontati e immaginati in questo libro vivono di passioni, s’incendiano d’amore, soffrono e arrivano persino ad uccidere; oppure vengono spinti dalla natura o guidati dal destino in viaggi emozionanti e avventurosi che sfidano i secoli. Sassi dai corpi perfetti e levigati o contorti e bitorzoluti. Sassi saggi o rancorosi, pacifici o guerrafondai. Sassi, a ben guardare, non poi così diversi da noi esseri umani."

Presentazione ufficiale martedì 30 novembre al nuovo spazio ex-macello di Sassuolo, città dove sia io che Stefano siamo nati, e che già nella radice del nome rimanda al concetto di sasso. A dialogare con noi, Franscesco Genitoni. È prevista la partecipazione di Dario Tazzioli, in una performance di scultura live.

In programma anche una pre-presentazione off al Reggio Film Festival. Venerdì 12 novembre; data in cui forse non avrò ancora tra le mani il cartaceo. Io e Stefano saremo accompagnati da una cellula impazzita degli U3DS, composta da Andrea Izzo e Francesco Bedini. Ci sarà da divertirsi.

Nessun commento:

Posta un commento