domenica 12 febbraio 2012

Costruire con le parole - Collaborazione con Tik.farm per Comparto W





In questi mesi, tra gli altri progetti, ho collaborato con Tik.farm alla realizzazione di materiali di comunicazione per il Comparto W, un nuovo complesso residenziale della mia città. Sono stato coinvolto su più fronti: sviluppo testi per il catalogo, ideazione dei soggetti video, realizzati in collaborazione con Andrea Calderone, e creazione delle sceneggiature accompagnate da piccole narrazioni, per alcune tavole disegnate da Stefano Landini. Ne metto qui tre, per il momento.

Vivere il parco – Un pensiero nel vento
Una brezza leggera accarezza l’erba del parco e si insinua tra le chiome degli alberi. È una splendida domenica di maggio e a Francesca sembra quasi di volare, mentre l’aria frizzante della primavera le sfiora il viso e le scompiglia i capelli. Mentre dondola sull’altalena ridendo di gioia, sorvegliata a pochi passi di distanza dall’occhio vigile del nonno, osserva i due ragazzi che corrono sul sentiero e per un attimo si immagina già adulta. Quando sarò grande, dice tra sé e sé, correrò forte come loro e anche di più, supererò anche il vento!

Vivere il lago – Le note della notte
“Adesso puoi aprire gli occhi” dice Marco. Anna osserva la luna piena riflessa sulla superficie increspata del lago: sembra quasi di poterla toccare. “Vorrei che questa fosse la nostra canzone” dice Marco. “Quale?” risponde lei. “Ascolta: l’acqua accarezzata dal vento, il canto dei grilli in lontananza, il fruscio delle foglie… è un’intera orchestra che sta suonando per noi”. E per un istante, ad Anna sembra quasi di vederla, là sull’anfiteatro, una piccola orchestra privata che suona solo per loro. E pensa che questa è certamente la loro canzone."

Vivere i servizi (farmacia e asilo) - qualcosa in comune
"Questa mattina Gaia non vede l’ora di andare all’asilo, perché – come dice lei- “devono fare un gioco bellissimo dove ci si sporca le mani di colore e poi si lasciano impronte sul muro”. Per fortuna l’asilo è proprio sotto casa. Mentre sua mamma, Serena, l’accompagna, si sente chiamare da una voce. È Cristina , l’amica di sempre, che sta uscendo proprio ora dalla farmacia lì accanto, con il suo bebè nel passeggino. “Ciao Gaia!” dice la donna “stai andando all’asilo?” “Sì” dice la bimba “lo sai che tra un po’ avrò anche un fratellino? Così potrò giocare anche con lui. Vedi la pancia della mia mamma? Presto da lì nascerà il mio fratellino nuovo!” Le due giovani madri si sorridono di complicità, poi Cristina sussurra qualcosa, rivolgendosi un po’ all’amica, un po’ a Gaia: “Lo sapete? Sembra proprio che presto anche il mio piccolo Marco avrà un fratellino o una sorellina…”

Nessun commento:

Posta un commento