sabato 5 maggio 2012

Tracce di sport e altri Sogni

Certe volte ti guardi un po' intorno, un po' indietro e anche un po' davanti magari. Ti chiedi dei perché, cercando qualche piccolo segno, qualche traccia, qualche orma che ti aiuti a ricostruire percorsi, a trovare qualche appiglio, qualche conferma. Di cosa sto parlando? Non lo so con precisione, forse sono le esalazioni della vernice che ho appena usato per dipingere delle inferriate nel giardino di casa.

In fondo fa parte di noi ripensare alle proprie scelte, chiedersi come sarebbe andata se, sapendo che è tutto tempo perso. Qui oggi c'è il sole e ci sono dei progetti e delle cose che mi succedono o che faccio succedere o che. Oggi, insomma, mi viene da pensare che se non avessi fatto una certa scelta di cui i motivi non mi erano e forse non mi saranno mai completamente chiari, questo sole non ci sarebbe, queste cose non succederebbero.

Oggi, insomma, tra tanta fatica e tante energie sprecate, tra tante frustrazioni e tante situazioni ancora non del tutto risolte, mi capita anche di lavorare su progetti in cui credo davvero, con persone in cui credo davvero. E non in senso autoreferenziale, ma nel senso che credo, con una sensazione che non ricordo di aver mai provato così chiara nella mia vita precedente, che almeno in parte, queste cose seguano una via, conducano a brandelli di verità, se non altro per la trasparente energia di cui sono intrisi.




 Oggi c'è Tracce di sport e ci sono dei ragazzi dello Ied, con cui posso condividere cose che spero un giorno saranno loro utili, c'è NarrantiErranti e c'è, ultimo arrivato, Sogno Olimpico, un programma che stiamo costruendo insieme alle stesse persone di TDS. Persone con cui abbiamo girato l'Italia, conosciuto persone e luoghi e spazi e condiviso pranzi, argomenti e nottate di lavoro che per me si traducono in poche, semplici parole: amore per quello che si fa. Presto sarà in onda su Sky Uno.

















Libro consigliato come colonna sonora di questo post:

Nessun commento:

Posta un commento